Rubriche

AUTORI FEDIC E LORO OPERE: RICCARDO SALVETTI

VOMAG
con Marco Cortesi, Stefano Farolfi, Stephanie Del Bino
Regia di Riccardo Salvetti
Sceneggiatura: Marco Cortesi, Mara Moschini, Riccardo Salvetti
Fotografia: Massimo Gardini
Montaggio: Matteo Santi
Musiche: Davide Caprelli
una produzione Horizon Srl in collaborazione con Associazione Moka

Il film “Die Mauer – il Muro” da cui “Vomag” è stato estratto è ora visibile su Amazon Prime Video
https://www.primevideo.com/detail/0GQL0O7I9WDPJFC6B43X6CUL5L

Il regista Riccardo Salvetti

Sinossi

Berlino, 1961. Hans è l’autista di un vecchio autobus malconcio e a causa delle ferite di guerra l’uomo può camminare solo con l’ausilio di un paio di stampelle. Preso in giro da vicini e conoscenti, Hans conduce una vita difficile nella quotidiana lotta per riuscire a sostenere moglie e due figli.
Quando nell’agosto dello stesso anno la Capitale tedesca viene divisa a metà da una muro invalicabile dove i soldati sparano a vista, il destino di Hans prende una svolta inaspettata. A causa della mancanza di carburante e pezzi di ricambio i mezzi pubblici della città si fermano. Hans invece ha un vantaggio: il suo autobus è così antiquato da non avere bisogno di carburanti speciali… Mentre la città di Berlino si ferma Hans e il suo vecchio veicolo marchiato VOMAG cominciano a fare affari d’oro.
La fortuna di Hans però sarà solo momentanea.
Quando la Stasi, la polizia segreta della DDR, impone ad Hans di entrare obbligatoriamente nella ditta di trasporti del partito, l’uomo rifiuta. Questo rifiuto segnerà l’inizio della sua fine. La Stasi ha deciso di eliminarlo e ad Hans resta un’unica possibilità per salvare se stesso e la propria famiglia: la fuga.
Solo al mondo, senza armi né amici influenti, Hans escogiterà quello che resterà negli annali come il piano di fuga più incredibile dell’intera storia del Muro di Berlino.
Dopo avere corazzato il suo vecchio autobus VOMAG come fosse un carro armato, Hans, la sua famiglia, e Jürgen, il suo migliore amico, accompagnato da moglie e figli, si scaglieranno a piena velocità contro il Muro di Berlino decisi a sfondare la parete e passare dall’altra parte.
All’interno dei decadenti ambienti di una vecchia scuola abbandonata i protagonisti fanno proprie le parole dei testimoni oculari di una storia vera di determinazione e coraggio. Attorno a loro una simbolica e minimale scenografia si alterna a ricostruzioni in 3D, immagini di repertorio, materiale d’archivio totalmente inedito, per catapultare lo spettatore nel drammatico susseguirsi delle vicende di chi tentò di sfidare il Muro più celebre del mondo in connubio di fiction, narrazione teatrale e documentario.

Una location d’eccezione

Un ex istituto scolastico in disuso diviene l’evocativa e originale location all’interno della quale si alternano le immagini del corto. I decadenti corridoi, le aule, le cucine, i dormitori dell’Ex-Asilo Santarelli di Forlì, costruito durante il Fascismo e poi abbandonato in epoca più recente, fanno da affascinante e misteriosa cornice alla narrazione, rievocando attraverso lo stile architettonico i totalitarismi europei del secolo scorso.

Si gira “Vomag”

Il racconto di Riccardo Salvetti (regista)

“Vomag” è un cortometraggio che nasce come estratto del lungometraggio “Die Mauer – il Muro”, un docufilm che raccoglie in 85 minuti le storie più incredibili di chi ebbe il coraggio di sfidare il muro di Berlino, fondendo cinema e teatro, fiction e documentario.
Durante il montaggio di questo film insieme al montatore, Matteo Santi, sentivamo che l’episodio di Vomag aveva qualcosa in più rispetto agli altri, era un concentrato di disperazione, coraggio, desiderio di libertà e rivincita, ed aveva tutti i requisiti per poter vivere in una narrazione propria e distinta dal resto del documentario. Una storia potente ed emotiva: un uomo fragile con la sua famiglia, senza nessuno che potesse aiutarli, una lotta contro il tempo per riuscire a passare dall’altro lato del Muro.
Così la scelta di rivisitare il montaggio di questo episodio e trasformarlo in un corto a sé.
Ora il sogno è che questo cortometraggio possa essere solo il punto di partenza per realizzare un film lungometraggio su questa storia di coraggio.
Lavorare con la contaminazione di generi è uno stile che mi ha sempre appassionato, miscelare linguaggi o arti diverse crea sempre emozioni nuove. Questo mi spinge alla ricerca di soluzioni creative che abbiano il giusto equilibrio tra tutti gli elementi. Per questo lavorare con Marco Cortesi e Mara Moschini (autori dello spettacolo teatrale “Il Muro” diventato poi il docufilm sopra citato) ha sempre un impatto stimolante, si riesce a fondere il loro teatro civile con il cinema, tra fiction e storie vere documentate. Il perfetto mix tra realtà, finzione, cinema e teatro.
Intanto in questi giorni la gioia più grande è stata poter annunciare che i lungometraggi realizzati prima di Vomag sono ora disponibili su Amazon Prime Video.

Ecco i link per vederli:
Rwanda (fiction 90min):  https://www.primevideo.com/detail/0HKF6QVWWCNZCT1KQQK6JV31YF
Die Mauer – il Muro (docufilm 85min): https://www.primevideo.com/detail/0GQL0O7I9WDPJFC6B43X6CUL5L

I riconoscimenti di Vomag

Courage Film Festival                                    Official Selection
MalatestaShort FF                                          Official Selection
Montecatini – 70. Italia Film Fedic            WINNER of Festival- Best Short
Sedicicorto international FF                        WINNER – Best Cortinloco
Fano International FF – FiFF                     WINNER – Best Documentario
Reggio Film Festival                                      Official Selection
Amarcort                                                          Official Selection

Biofilmografia

Riccardo Salvetti, Regista e FilmMaker.
Diplomato alla Scuola Civica di Cinema Televisione e Nuovi Media “Luchino Visconti” di Milano.
Racconta storie sperimentando la contaminazione di generi, in una narrazione che spesso esplora toni onirici e surreali, con sguardo sensibile alle tematiche sociali.

Filmogragfia:

Vomag                                    (2020 – corto fiction – 18 minuti)
Die Mauer – il Muro           (2019 – docufilm – 85 minuti)
Rwanda                                 (2018 – lungometraggio fiction – 90 minuti)
Closed Box – ascatola chiusa   (2013 – corto fiction – 24minuti)
Gabanì – due volte campione  (2011 – docufilm – 50minuti)