Condividi

Ospite della 80^ edizione (sull’anniversario in verità ci sono dubbi…) del concorso internazionale UNICA è stata la Repubblica Ceca, precisamente la cittadina di Blansko (20.769 abitanti), importante centro turistico ed industriale situato nella parte sud-orientale del Paese, adagiato sul fiume Svitava, 30 km a nord di Brno. Dista dalla capitale Praga 232 km. Il concorso si è tenuto nel cinema della cittadina, un cinema dall’atmosfera retro, grazie a poltrone ricoperte di velluto colore rosa antico, con pareti rivestite di legno, e grandi porte di vetro, incluso un guardaroba con guardarobiera, insomma sembrava di essere in una scenografia. Nonostante l’atmosfera piacevolmente retro, l’impianto tecnico era di ultima generazione: immagini nitidissime e sonoro surround.

Gli organizzatori si sono davvero operati per offrire ai ca. 150 ospiti uno spettacolo da grande cinema. Un socio del cineclub locale, Ctirad Stipl, grande animatore, ha disegnato e animato la mascotte del congresso 2018, il piccolo leone, che ha introdotto tutti i film e ha fatto tutti gli annunci di dovere. Mi ha ricordato molto l’animazione dell’UNICA 1991 al Lido degli Estensi, di cui tutti ancora parlano. Siamo stati davvero bravi, allora.

Quest’anno, purtroppo, l’Italia non si è presentata dal suo lato migliore, la selezione dei film non è nemmeno arrivata alla discussione per i premi, che si tiene il sabato mattina. Ma eravamo in buona compagnia, con altri paesi in cui la cultura cinematografica è importante, la Francia e il Belgio. Ma al workshop giovani, dedicato completamente all’animazione abbiamo avuto il piacere di potere includere Antonio Brian Mezzacappa. Antonio Brian ha già esperienza di animazione, e ha detto che gli è piaciuto molto.

Lo spirito del congresso e del concorso è di avere una selezione di film proveniente da tutte le nazioni associate a UNICA, che siano di produzione propria e senza fini commerciali, nello spirito appunto del cineamatore.
Le presenze sono state relativamente poche, 150. Hanno partecipato in totale 134 film, di cui molti contributi di Film School, le scuole di cinema risp. giovani professionisti, una categoria a parte nel concorso. Le nazioni presenti erano 23.

La giura è stata ben selezionata, sia dal punto di vista culturale, che da quello professionale. In totale ha assegnato 25 medaglie. Considerando la qualità dei film presentati, a parer mio è stata equilibrata. La presidenza è stata affidata al Martin Stoll, documentarista Ceco. Ad affiancarlo c’era Alfonso Hereu, cineamatore catalano, Tarmo Hotanen, finlandese, professore di cinema sudamericano, nonché organizzatore del Filmfestival di Turku, Thomas Schauer, Austria, cineamatore con diversi film all’attivo e autore, nonché Mike Whyman, Inghilterra, cineamatore e giurato al BIAFF (British International Amateur Film Festival) subentrato per la giurata norvegese che per motivi di salute ha dovuto rinunciare. Al contrario del 2018, la quota femminile è mancata completamente.
I premi a disposizione della giuria sono le medaglie d’oro, argento e bronzo, nonché il diploma d’onore suddivise tra la sezione principale e quella delle scuole di cinema. La giuria deve anche valutare il programma più interessante

Sezione principale:
10 diplomi d’onore
13 medaglie di bronzo
2 medaglie d’argento
2 medaglie d’oro

Sezione scuole di cinema
2 diplomi d’onore
4 medaglie di bronzo
2 medaglia d’argento
2 medaglie d’oro

Il premio al programma più interessante è stato aggiudicato alla Svezia.
Il tempo di proiezione di 60’ inclusi i 2 minuti di pausa tra un film e l’altro è rimasto invariato. Il concorso del 2019 si terrà in Olanda, a Zeist, nella provincia di Utrecht, dal 24 al 31 agosto 2019. https://unica2019.videofilmers.nl/index.php/nl/.
Per il 2019 possiamo nominare un giurato.

Visitate il sito http://www.unica-web.com per maggiori dettagli.

Jacqueline Pante, Cineclub Merano Fedic – Segretaria Generale UNICA

 

VIDEO: Unica Workshop 3D Animation