Condividi

Durante la 69^ edizione del Misff si è tenuta la premiazione del Fedic Scuola Film Festival. Il regista Francesco Pileggi ha dedicato il premio ai bambini e ai ragazzini di Roccaforte del Greco in Aspromonte. Un appello per riaprire la loro scuola. “Una scuola chiusa è una montagna morta”: queste le sue parole.

Di seguito le motivazioni dei Premi:

PREMIO TUTELA AMBIENTALE – Liberi di respirare Scuola sec 1 grado Stoppani Lecco
Per aver rappresentato, in una sorta di reportage, una tematica importante ed attuale come quella degli effetti nocivi dell’amianto sull’uomo.

GENTILEZZA Alberghiero Minuto Massa MENZIONE Marta Baruffetti
Per aver realizzato con semplicità e delicatezza un messaggio efficace di invito ad atteggiamenti di apertura, ascolto, rispetto ed aiuto reciproco.

LA SCELTA Liceo Spaventa Città S.Angelo
La vicenda prospetta uno scenario pre-apocalittico e il dilemma umano di decidere la soluzione giusta per la salvezza, consapevoli che qualunque scelta sarà irreversibile. La narrazione filmica articolata sulla ricerca e l’attesa ed una buona padronanza della tecnica cinematografica rendono il film intrigante ed inquietante.

INSTADIAMOCI Istituto Sup. B.Cellini di Valenza
PREMIO SICUREZZA STRADALE
Uno spot veloce e diretto che induce a riflettere sul blando e pericoloso confine tra reale e virtuale.

SIAMO TUTTI UN PO’ RROMANI Istituto Tecnico Tecnologico Lamezia T.
PREMIO IMPEGNO SOCIALE ED INCLUSIONE
Francesco Pileggi regista
Patrizia Costanzo DS
Miti ed eroi da sempre affascinano gli individui e le masse, ma se fossimo proprio noi, con le nostre peculiarità ad essere personaggi dotati di super poteri in grado di affrontare e superare le difficoltà quotidiane? Il film presenta atteggiamenti e situazioni almeno apparentemente lontani tra loro, talvolta paradossali che poi mutano e risolvono in una dimensione onirica in cui tutto è possibile.

REWIND Liceo T. Stigliani di Matera
MOTIVAZIONE: Una moviola che procede all’indietro può annullare le nostre azioni, modificarle e migliorarle cambiando notevolmente o totalmente l’esito finale. La coscienza umana come interruttore x l’azione risolutiva ed il classico paragone tra la vita e la finzione cinematografica.