Cinevideo Club Bergamo - Bergamo

 

I Presidenti, dal Cineclub al Cinevideo Club Bergamo: 1952/1954 TITO SPINI 1955 OSVALDO PRANDONI 1956/1967 PAOLO CAPOFERRI 1968/1979 PINO TIANI 1980/1992 PAOLO GALIZZI DAL 1993 PIERANTONIO LEIDI Lo sviluppo del Club ►1952) Il Cinevideo Club BG, si costituisce in città con la denominazione Cine Club Bergamo. ►Dal 1955 al 1970) Ottiene importanti primati al Concorso nazionale di Montecatini Terme ►1961) Organizza in città dall’1 al 3 aprile, con l’impegno di Paolo Capoferri e con il patrocinio della FEDIC, lo storico “Convegno di studio sul cinema d’amatore”. Bergamo, per tre giorni, accoglie autori, critici, giornalisti provenienti da tutta Italia e anche dall’estero. ►Sino al 1978) Il Club propone serate sul “cortometraggio” e alcune edizioni del Concorso “Le Forbici d’Oro” ►Dal 1979 al 1983) l’attività è sospesa per inagibilità della sede. ►1984) Riprende l’attività con il concorso “Arti e Mestieri”, grazie all’intervento e grande disponibilità dell’Unione Artigiani di Bergamo e Provincia, che fornisce al Club la sede per le attività sociali. Dopo diverse edizioni il Concorso diventa “Trofeo Nino Galizzi”. ►1990) Con l’avvento del video, si realizza la prima opera del Gruppo Video-Lab “Maschere in bergamasca”. ►1991) Il Cine Club BG diventa ufficialmente Cinevideo Club Bergamo. ►1992) Dopo alcuni anni di Vicepresidenza, Pierantonio Leidi è eletto presidente del Club con tale carica, partecipa all’Assemblea Nazionale della FEDIC e da allora è Consigliere Nazionale. ● In occasione del 40° del Club si propone una interessante “Retrospettiva” con il contributo degli autori storici del Cine Club BG. ►1993) Il rifondato Cinevideo Club s’impegna con le Associazioni presenti sul territorio a divulgare il cortometraggio, promuovendo interessanti iniziative “Il corto italiano” - “Il corto internazionale” e “Incontro con gli autori”. ►1997) Per l’interessamento della FEDIC (Federazione Italiana dei Cineclub), si costituisce a Bergamo la “Consulta Fedic della Lombardia” e Pierantonio Leidi viene eletto presidente. ● In comunione con la Presidenza della Fedic e l’Assessorato della Cultura di Cazzago San Martino (BS), si organizzano tre edizioni del Concorso video per autori indipendenti “La Lombardia verso il 2000” e altrettante edizioni per “La Lombardia per immagini”. Sono seguite altre tre edizioni de “L’Italia per immagini”. ►2001) Dopo 40 anni si riorganizza a Bergamo, con il sostegno della FEDIC, il Convegno Nazionale “La Fedic tra reale e virtuale” per indicare il nuovo percorso della Federazione. Partecipano: la Presidenza della Federazione, i Presidenti dei nostri Cineclub, critici, giornalisti con l’intervento del grande amico della FEDIC: il cartoonist Bruno Bozzetto. ►2002) 50° di fondazione del Club orobico. Un anno di iniziative con una vasta retrospettiva sul cortometraggio in pellicola e sulle nuove video-produzioni dei soci del Club e della FEDIC. ►Dal 2003 al 2007 il Cinevideo Club Bergamo continua con le più svariate iniziative, in città come in provincia, con l’intento di divulgare il cortometraggio nazionale e internazionale. ►2008) Il presidente Pierantonio Leidi, collabora alla realizzazione della mostra “La Città Visibile” omaggio a Domenico Lucchetti. Interessanti sale espositive fra tradizione fotografica e tecnica multimediale. Uno spazio è stato dedicato al cinema indipendente, infatti, Lucchetti socio del Cine Club BG, ha realizzato diversi film in pellicola. Lo stesso Leidi ha firmato un video proprio su Domenico Lucchetti. Questi film sono stati proiettati nella mostra allestita nell’ex Convento San Francesco in Città Alta da ottobre 2008 a novembre 2009. ►2009) Per ricordare la figura di Paolo Capoferri, presidente storico del Cine Club nel 35° della morte, è stata organizzata la «Rassegna del film d’Autore FEDIC» e una raccolta di aneddoti su Paolo Capoferri, non solo come cineamatore ma come uomo e amico di quanti, pur nella sua riservatezza, donava e offriva la sua semplice amicizia, formando così un volumetto. ►2010) Dopo tanto peregrinare tra Biblioteche, Circoscrizioni e Centri Culturali da quest’anno il Club ha una sede, un punto di riferimento per i soci e simpatizzanti. Questa occasione è stata propota dal Circolo Culturale Giuseppe Greppi che al suo interno raccoglie, tra le altre componenti, il Gruppo Fotografi. ● Il Gruppo Video-Lab -la parte operativa del Cineclub- in occasione del soggetto “Frammenti”, inizia il progetto “L’uomo nella Città” la proposta che culminerà tra il 2012 e 2013 nel 60° del Club. ►2011) L’anno sociale è dedicato al 20° Corso per filmmaker “Conoscere Cinema: Sapere, Capire, Fare”, diretto dal giovane regista bergamasco Omar Pesenti. La tecnica e la pratica, è stata integrata da spezzoni di film con brevi digressioni storiche sul cinema. Naturalmente non sono mancate le serate dedicate al corto nazionale e internazionale, grazie alle selezioni UNICA; Valdarno Cinema FEDIC e FilmVideo (Mostra Internazionale del Corto a Montecatini). ►2012) Una data importante per il Club: il 60° di fondazione! Un anno intenso definito con lo slogan “UN MONDO DI IMMAGINI”. Iniziato con le “Cronache bergamasche: 1955-1960” interessante retrospettiva del Cineclub (un cinegiornale orobico, composto da immagini di un costume che non c’è più). Uno spazio è stato dedicato agli autori FEDIC con opere personali e selezioni dei singoli Cine Club affiliati alla nostra Federazione. A settembre è stata inaugurata la mostra, nell’atrio del Nuovo Cine-Teatro delle Grazie: 24 pannelli che riproducevano l’evoluzione dal Cineclub al Cinevideo Club. Un’ampia selezione è stata riservata alle Rassegne, Mostre, Festival Nazionali e Internazionali, come: Valdarno Cinema Fedic; Montecatini Cinema; Scuola Video Mulitmedia Italia; UNICA, nonché film e backstage inerenti gli Stage FEDIC di Aggiornamento e Perfezionamento. ►2013) Continua il nostro anniversario per i Sessant’anni di attività. L’attenzione è rivolta agli autori del Cinevideo Club (denominazione aggiornata nel 1992) e agli amici con la passione della videocamera. Per questo sviluppo si è costituito all’interno del Club il Gruppo Video-Lab. In questa rimpatriata, si sono rivisti indipendenti di ieri, ora passati al professionismo (registi, musicisti, attori, scenografi…), che hanno presenziato per un certo periodo alle attività del Cinevideo Club. La raccolta delle dispene annuali si è arricchita (nel 2013), con una serie di testimonianze ora presenti nel DVD tra fotografie, programmi settimanali e un video. ►2014) La proposta della FEDIC: realizzare un video da un minuto, è stata concretizzata dal Gruppo Video-Lab aggiungendo così una nuova produzione “Vuoto a perdere” corredata dal backstage. L’attività per la divulgazione del corto, continua proponendo vari temi: Arte &Artisti; Animazione; Personaggi, uomini e storie; - Il Corto nel Sociale; - Il Corto nella scuola. Tutto questo alternati alle selezioni dei Festival che annualmente vengono proposti dalla nostra FEDIC: Federazione Italiana dei Cineclub. ►2015) L’attività è stata proficua: programmate 27 serate con 116 opere proiettate, tra queste, opere brevi di grandi autori come: Antonioni, Risi, Olmi, Manfredi, Piavoli e Piero Livi. Non sono mancati incontri con aggiornamenti sulle tecnologie dalle moderne macchine da presa all'utilizzo del Drone per riprese telecomandate e fluide. Per le nostre opere che hanno partecipato a Festival e Concorsi l’esito è stato positivo per aver conseguito diverse testimonianze e premi. Il maggior merito l’ha ottenuto “Vuoto a perdere” che oltre ad aver ricevuto attestazioni in campo nazionale, ha ottenuto il Diploma in Russia a San Pietroburgo per il Festival UNICA. ● E proprio recentemente in occasione del Giorno Internazionale della Donna sempre “Vuoto a perdere” è stato scelto dal Comune di Bergamo per la manifestazione cittadina con mostra pubblica di quadri a tema. ● Per la stessa manifestazione anche la Provincia di Bergamo si è attivata in tal senso proponendo il video nelle biblioteche nell'area della provincia di Bergamo. Cinevideo Club Bergamo Presidente: Pierantonio Leidi Domicilio: Via Righi, 3 24123 Bergamo Recapiti: 035/343364 – 339.4931384 cinevideoclub.bg@alice.it www.cinevideoclubbg.altervista.org ATTUALMENTE IN FASE DI AGGIORNAMENTO. Nel Cinevideo Club Bergamo è stato formato il “Gruppo Video-Lab”. Fare un cortometraggio è sempre uno stimolo per impegnare gli iscritti in un’esperienza d’insieme ed è uno stimolo a partecipare ad altri lavori, non solo mettendoci in “gioco”, ma responsabilizzare i partecipanti in base alle proprie capacità tecniche-artistiche. La prima formazione, forse la produzione più impegnativa, si è costituita alla fine degli anni ’80. Una esperienza indimenticabile. I Gruppi si costituiscono, di volta, di volta, soprattutto in base alle occasioni estemporanee, come quella del “Ferrara FEDIC Lab” dove il Gruppo nell’arco di una giornata ha realizzato il corto: “L’incontro”, dall’idea al mantaggio con sonorizzazione e nel tardo pomeriggio era già in visione. I corsi video “teorici-pratici”, sono utili anche per cercare nuova linfa al Gruppo Video-Lab. ■ 1990) “MASCHERE IN BERGAMASCA” Prima opera del “Nuovo Gruppo Video-Lab” coordinato da Franz Cancelli e Pierantonio Leidi - Un viaggio fantastico di Arlecchino che dal suo paese natale, Oneta (BG), attraversa varie epoche dal Medioevo al XX secolo, attraverso il fastoso Barocco, le atmosfere del Settecento, il molodramma dell’800 e lo stile Liberrty. ■ 1991) “PROMO CINECLUB BERGAMO” Secondo progetto del Gruppo Video Lab idea e regia di Stefano Ravanelli - Un “mini” soggetto circa 60” con lo scopo di reclamizzare con uno spot l’attività principe del nostro Club. Un ironico “dietro le quinte”di Franco Valtellina compone il curioso Back Stage. ■ 1992) “DENTRO LA ROCCIA” Un’altro soggetto ideato e realizzato dal Gruppo Video Lab per valorizzare “Le Grotte delle Meraviglie” (Zogno -BG) e gestite, in quel periodo, dal “Gruppo Le Nottole. ■ 2000) “SEBINO 2000” L’iniziativa è promossa dalla Provincia di Bergamo. L’Esercitazione di Protezione Civile coinvolge tutte le forze di volontariato e professionisti che agiscono sul terrorio locale per tre giorni. ■ 2005) “CARO CICCINO” L’idea è maturata in un corso video. Tutti all’inizio hanno provato ad usare la video-camera, ma per contenere i tempi il socio-regista Gigi Corsetti ha portato a termine il soggetto. ■ 2006) “OMBRE DI LUNA PIENA” Il socio Attilio Visconti ha proposto la storia, dopo la sceneggiatura rivista da Gigi Corsetti, cha ha curato la regia, sono stati scelti gli interpreti principali nell’ambito del Club. ■ 2007) “L’INCONTRO” L’occasione è scaturita nel corso dello Stage “Ferrara FEDIC Lab”. L’impegno era di realizzare un film in una giornnata: alla mattina le riprese, al pomeriggio il montaggio e sonorizzazione. Nel tardo pme-riggio la visione. Idea e regia: Massimo Alborghetti, interpreti due soci del Club: Stefano Giudici e Pierantonio Leidi. ■ 2010) “FRAMMENTI” Un racconto di Alessandro Vigani scritto in occasione del videocorso del 2008. Il Gruppo ha elaborato la sceneggiatura seguita da Massimo Alborghetti che ne ha curato la regia. Quest’opera è l’inizio di un progetto più ampio “L’UOMO NELLA CITTÀ” che si svilupperà in occasione del 60° anno di fondazione. ■ 2013–2014) “VUOTO A PERDERE” Il progetto nasce dal concorso FEDIC per una sceneggiature da 1 minuto da realizzare a film. L’idea e dialoghi sono di Emilio Moretti la sceneggiatura è stata riadattata da Gigi Corsetti con il Gruppo Video-Lab. Sono state realizzate due edizioni con i sottotitoli in inglese da uno e due minuti. ■ GIU.2014) “UNA VISTA INATTESA” si riadatta l’idea di Pier Luigi Avolio, proposta nel già citato Concorso. Il Gruppo Video-Lab, con la regia di Massimo Alborghetti, ha iniziato le riprese ma, con le prossimità dalle vacanze estive, si è sospesa la produzione…si riprendrà a settembre.